La Spadarina
Estratto dal Catalogo della VII Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea di Roma” - gennaio 2008
“...Paolo Terdich non smentisce il suo interesse per la figurazione e compone opere realistiche in cui è possibile osservare una suggestione lirica che coinvolge lo spettatore. Pittore versatile è in grado di portare alla luce tutte le problematiche dell’individuo attraverso una attenta indagine psicologica del soggetto. Le sue figure sono sempre ritratte nella loro solitudine rassegnata, forse incapaci di reagire al loro triste destino. Ciò che colpisce maggiormente in questi ritratti sono gli occhi che esprimono i segreti più intimi. Gli oggetti quotidiani delle nature morte sono immersi nell’immobilità e sono elaborati attraverso una composizione equilibrata. L’impostazione di queste composizioni è semplice, essenziale e non esiste spazio per il particolare. In queste opere viene messa in evidenza la grandezza delle piccole cose. Questo tipo di composizioni sono irradiate dalla luminosità. Il linguaggio pittorico di Terdich valorizza un percorso espressivo denso di contenuti profondi ed è di immediata lettura. L’autore sa cogliere le emozioni più significative e sa ritrovare valori importanti ormai dimenticati e calpestati. Egli porta avanti un discorso coerente che dimostra una padronanza del colore e una notevole capacità disegnativa...”.
Elena Gavazzi

Ritorna alla home
Visite alla pagina:1658
Stile del sito: spring blue black orange autunno