La Spadarina
“Le inquietudini di Paolo Terdich” (da Libertà del 10 marzo 2002)
“Trasferta toscana per Paolo Terdich, presente in due rassegne successive nel Centro Esposizioni di Pisa/Arte. La prima è una personale dal titolo “Inquietudini” (fino al 25 febbraio). La seconda (a partire da fine febbraio) farà parte delle manifestazioni riunite sotto l’unico titolo di “Millennium Artist 2002”.
L’esposizione tende a documentare, attraverso tecniche e soggetti distinti, le varie tappe dell’itinerario artistico di Terdich… Sono così presenti realizzazioni a grafite (ritratti e nudi), acquerelli e acrilici (ritratti, figure e paesaggi) e alcuni oli.
Nel complesso predominano le figure, ritratte sole, ognuna racchiusa in sé e come confinata nello spazio, il cui sfondo è spesso essenziale, fatto di semplice colore. I personaggi, enigmatici, vengono colti spesso in atteggiamento di riflessione e trasmettono sovente un senso di irrequietezza, da cui traspare un tormento interiore.
Tra le varie opere esposte spiccano “Lost Track”, un olio su tela raffigurante un bosco in un’atmosfera surreale ed evocativa ed una figura femminile (“Right here, right now”) realizzata ad acquerello e acrilico su cartoncino che rispecchia una sorta di inquietudine e un senso di solitudine accentuato dalle scelte coloristiche. Il titolo è un omaggio a Cassandra Wilson dal suo “Travelling Miles”.
Atmosfere differenti, come nel caso di “Relax”, un altro olio che rappresenta una situazione rilassata e di apparente quiete pur nella scelta di accesi tonalismi e giochi chiaroscurali.
Tre esempi che riflettono differenti stati d’animo, resi da Terdich con diverse tecniche, disposizioni di volumi, geometrie, colori e tratti.”.
Carlo Francou (scrittore, giornalista e critico d’arte)

Ritorna alla home
Visite alla pagina:1795
Stile del sito: spring blue black orange autunno